Rovereto Venexiana rievoca il periodo di dominazione veneziana che trasformò ciò che allora era semplicemente un borgo in una cittadina di frontiera con una propria amministrazione civica sulla strada di Germania, tra il porto adriatico e i mercati centro-europei..
Borgo anonimo sino a quando nel 1416 Rovereto legò il proprio nome a Venezia e in un secolo quasi pose le basi di un’identità che prese forma nei secoli successivi e ancor oggi perdura nel tessuto culturale, economico e territoriale.
Da secoli, da sempre, luogo di passo, luogo di sosta, luogo intermedio, raccordo e intersezione delle vie da nord, da sud e da sud-est.
La città diventa, attraverso questa manifestazione, un luogo di identità, emozioni e scoperte, il luogo per rivivere Venezia e le sue tradizioni e quasi come in uno specchio antico l’occasione per intravedere quella parte di sé che la Serenissima Repubblica lasciò alla Città della Quercia.
Le piazze diventano il luogo eletto di questa grande festa e gli eventi che si susseguono
richiamano le antiche tradizioni, i giochi e le feste della laguna attraverso spettacoli, attori,
maschere, cibo e meraviglie. Nessuno potrà passare in questi luoghi senza lasciarsi
coinvolgere dal desiderio di divertirsi e divertire perché la comicità passerà di persona in
persona e renderà tutti attori di questo grande teatro